PompeiiinPictures

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. House with the garden.

Originally referred to as Casa con Giardino.

Excavated 2018.

 

Part 1      Part 2      Part 3      Plan

 

We thank the Parco Archeologico di Pompei for their permission to use their press releases and photographs from which we have built this page.

Because the house is not open to public access, we have not been able to visit to verify everything, so you should take this into account when using this page.

We believe we have built a reasonably accurate interpretation and further changes will be made as more information becomes available.

Ambiente 8, cubiculum.

 

The room of the skeletons

One of the rooms that overlooked the portico, and which, unlike the others, resisted the first phase of the eruption (the fall of the lapilli), was then destroyed and filled by the pyroclastic flow, within which were found the skeletal remains of at least five individuals, who evidently sought refuge in the innermost room of the house, finding death there. The investigation of this room revealed the presence, also suspected by holes in the walls, of one or more tunnels of previous excavations (perhaps prior to the beginning of official research in 1748), which caused an upheaval of the intercepted skeletons, whose bones have been displaced into various points of the room.

 

See PAP: From-maintenance-to-excavation-two-prestigious-dwellings-brought-to-light-in-regio-v

 

La stanza degli scheletri

Una delle stanze che si affacciavano sul portico, e che, a differenza delle altre, ha resistito alla prima fase dell’eruzione (la caduta dei lapilli), è poi stata distrutta e riempita dal flusso piroclastico, all’interno del quale sono stati rinvenuti i resti scheletrici di almeno cinque individui, che evidentemente avevano cercato rifugio nella stanza più interna della casa, trovandovi la morte. L’indagine di questa stanza, ancora in corso, ha rivelato la presenza, indiziata anche da fori nelle pareti, di uno o più cunicoli di scavi precedenti (forse anteriori all’inizio delle ricerche ufficiali del 1748), che hanno causato uno sconvolgimento degli scheletri intercettati, le cui ossa sono state dislocate in vari punti dell’ambiente.

 

Vedi PAP: Due-dimore-di-pregio-tornano-alla-luce-nella-regio-v

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Ambiente 8 front centre, fauces left and ambiente 7 right.

Ambiente 8 anteriore centrale, fauces a sinistra e ambiente 7 a destra.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Room 8, centre right, fauces on left and room 7 on right.

The doorway to the atrium can be seen in the east wall (lower centre).

The flooring was made of cocciopesto, the upper walls decorated with rough plaster and the lower part was in pink cocciopesto.

The was the same decoration as found on the fauces and atrium walls, but here the zoccolo (lower dado/plinth) was decorated with painted plants on a black background.

In the west wall was a window overlooking the roadway; in the lower section of the wall was a recess for a low cupboard.

See Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli, (p.140)

 

Ambiente 8 anteriore centrale, fauces a sinistra e ambiente 7 a destra.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Ambiente 8. Remains of skeletons of five victims.

Ambiente 8. Resti di scheletri di cinque vittime.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Room 8. Remains of skeletons of five victims.

 

Ambiente 8. Resti di scheletri di cinque vittime.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 8. Skeletal remains.
According to the PAP press release, there are skeletons turned over, twisted and dragged without scruples by grave robbers, in search of precious objects which Pompeians took with them in their desperate escape from the eruption. As if the horrendous end which awaited them were not enough, the victims of Pompeii had to suffer desecration at the hands of looters, who in modern times tunnelled through the ash and lapilli which had buried the ancient city, in search of valuable objects in unexplored domus. 
It was in this manner that, in a room of the recently excavated 'House with the Garden', the skeletal remains of at least 6 individuals have re-emerged, piled up and scattered across various points in the room. That is why the skull of one of the victims, crushed by roof tiles, lies alongside the upper and lower limbs of another individual, still in situ, while the remains of a ring worn on the finger and other small hand held objects, spared from looting, resurfaced at a distance and not connected to the rest of the body.
The Pompeians had sought refuge within the innermost room of the house which, unlike the others, held out against the initial phase of the eruption (the rain of lapilli). They were subsequently caught up in one of the pyroclastic flows which overwhelmed the rooms of the house still emerging from the lapilli, causing the collapse of the roof and the upper part of the room's northern wall.
The presence of one or more tunnels from prior excavations (perhaps earlier than the official works began in 1748), which caused the disturbance to the interested skeletons, is indicated by the holes in the walls. Such revelations are allowing us, thanks to ongoing interventions, to document the history of an age of excavation in great detail (from illicit excavations to those of the Bourbon era) which was completely different from the current one, both in terms of the methodological approach and the objectives.

See PAP: The-room-of-the-skeletons-and-sacking-by-ancient-grave-robbers

Ambiente 8. Resti scheletrici.
Secondo il comunicato stampa PAP, scheletri rivoltati, stravolti, trascinati senza riguardo da tombaroli alla ricerca di oggetti preziosi, con cui i pompeiani si accompagnavano nel tentativo disperato di fuga dall’eruzione. Non è bastata l’orrenda fine riservatagli dalla tragedia, ma le vittime di Pompei hanno dovuto subire anche la profanazione di saccheggiatori che già in epoca moderna si addentravano attraverso cunicoli e passaggi nella cenere e nel lapillo che aveva seppellito la città antica, per rintracciare oggetti di valore in domus inesplorate.
Riaffiorano così, in una stanza della “Casa del giardino” di recente scavo, i resti scheletrici di almeno 6 individui, ammucchiati e sparpagliati in più punti dell’ambiente. Ed ecco perché, ancora in situ, il cranio di una delle vittime, schiacciato dalle tegole del tetto, giace accanto agli arti inferiori e superiori di un altro individuo, mentre resti di un anello indossato al dito e altri piccoli oggetti stretti tra le mani, sfuggiti al saccheggio del luogo, riaffiorano lontani e non in connessione con il resto del corpo.
I pompeiani avevano cercato rifugio nella stanza più interna della casa, che, a differenza delle altre, aveva resistito alla prima fase dell’eruzione (la caduta dei lapilli). Erano stati poi colti da una delle correnti piroclastiche che travolse gli ambienti della casa ancora affioranti dai lapilli, provocando il crollo del tetto e della parte superiore del muro nord dell’ambiente.
La presenza di uno o più cunicoli di scavi precedenti (forse anteriori all’inizio delle ricerche ufficiali del 1748), che hanno causato lo sconvolgimento degli scheletri intercettati, è indiziata anche da fori nelle pareti. Tali rilevamenti stanno consentendo, grazie agli interventi in corso, di documentare con grande dettaglio la storia di un’epoca di scavo, (da quelli clandestini a quelli di epoca borbonica) completamente differente da quella attuale, tanto nell’approccio metodologico che nelle finalità stesse.

Vedi PAP: la-stanza-degli-scheletri-e-il-saccheggio-degli-antichi-tombaroli/

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 8, skeletal remains.

According to the PAP press release, there are skeletons turned over, twisted and dragged without scruples by grave robbers, in search of precious objects which Pompeians took with them in their desperate escape from the eruption. As if the horrendous end which awaited them were not enough, the victims of Pompeii had to suffer desecration at the hands of looters, who in modern times tunnelled through the ash and lapilli which had buried the ancient city, in search of valuable objects in the unexplored domus.

It was in this manner that, in a room of the recently excavated 'House with the Garden', the skeletal remains of at least 6 individuals have re-emerged, piled up and scattered across various points in the room. That is why the skull of one of the victims, crushed by roof tiles, lies alongside the upper and lower limbs of another individual, still in situ, while the remains of a ring worn on the finger and other small hand held objects, spared from looting, resurfaced at a distance and not connected to the rest of the body.

The Pompeians had sought refuge within the innermost room of the house which, unlike the others, held out against the initial phase of the eruption (the rain of lapilli). They were subsequently caught up in one of the pyroclastic flows which overwhelmed the rooms of the house still emerging from the lapilli, causing the collapse of the roof and the upper part of the room's northern wall.

The presence of one or more tunnels from prior excavations (perhaps earlier than the official works began in 1748), which caused the disturbance to the skeletons, is indicated by the holes in the walls. Such revelations are allowing us, thanks to ongoing interventions, to document the history of an age of excavation in great detail (from illicit excavations to those of the Bourbon era) which was completely different from the current one, both in terms of the methodological approach and the objectives.

 

See PAP: The-room-of-the-skeletons-and-sacking-by-ancient-grave-robbers

 

Ambiente 8. Resti scheletrici.

Secondo il comunicato stampa PAP, scheletri rivoltati, stravolti, trascinati senza riguardo da tombaroli alla ricerca di oggetti preziosi, con cui i pompeiani si accompagnavano nel tentativo disperato di fuga dall’eruzione. Non è bastata l’orrenda fine riservatagli dalla tragedia, ma le vittime di Pompei hanno dovuto subire anche la profanazione di saccheggiatori che già in epoca moderna si addentravano attraverso cunicoli e passaggi nella cenere e nel lapillo che aveva seppellito la città antica, per rintracciare oggetti di valore in domus inesplorate.

Riaffiorano così, in una stanza della “Casa del giardino” di recente scavo, i resti scheletrici di almeno 6 individui, ammucchiati e sparpagliati in più punti dell’ambiente. Ed ecco perché, ancora in situ, il cranio di una delle vittime, schiacciato dalle tegole del tetto, giace accanto agli arti inferiori e superiori di un altro individuo, mentre resti di un anello indossato al dito e altri piccoli oggetti stretti tra le mani, sfuggiti al saccheggio del luogo, riaffiorano lontani e non in connessione con il resto del corpo.

I pompeiani avevano cercato rifugio nella stanza più interna della casa, che, a differenza delle altre, aveva resistito alla prima fase dell’eruzione (la caduta dei lapilli). Erano stati poi colti da una delle correnti piroclastiche che travolse gli ambienti della casa ancora affioranti dai lapilli, provocando il crollo del tetto e della parte superiore del muro nord dell’ambiente.

La presenza di uno o più cunicoli di scavi precedenti (forse anteriori all’inizio delle ricerche ufficiali del 1748), che hanno causato lo sconvolgimento degli scheletri intercettati, è indiziata anche da fori nelle pareti. Tali rilevamenti stanno consentendo, grazie agli interventi in corso, di documentare con grande dettaglio la storia di un’epoca di scavo, (da quelli clandestini a quelli di epoca borbonica) completamente differente da quella attuale, tanto nell’approccio metodologico che nelle finalità stesse.

 

Vedi PAP: la-stanza-degli-scheletri-e-il-saccheggio-degli-antichi-tombaroli/

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 8. Scattered skeletal remains.
The skull of one of the victims, crushed by roof tiles, lies alongside the upper and lower limbs of another individual, still in situ, while the remains of a ring worn on the finger and other small hand held objects, spared from looting, resurfaced at a distance and not connected to the rest of the body.

Ambiente 8. Resti scheletrici sparsi.
il cranio di una delle vittime, schiacciato dalle tegole del tetto, giace accanto agli arti inferiori e superiori di un altro individuo, mentre resti di un anello indossato al dito e altri piccoli oggetti stretti tra le mani, sfuggiti al saccheggio del luogo, riaffiorano lontani e non in connessione con il resto del corpo.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 8. Scattered skeletal remains.

The skull of one of the victims, crushed by roof tiles, lies alongside the upper and lower limbs of another individual, still in situ, while the remains of a ring worn on the finger and other small hand held objects, spared from looting, resurfaced at a distance and not connected to the rest of the body.

 

Ambiente 8. Resti scheletrici sparsi.

il cranio di una delle vittime, schiacciato dalle tegole del tetto, giace accanto agli arti inferiori e superiori di un altro individuo, mentre resti di un anello indossato al dito e altri piccoli oggetti stretti tra le mani, sfuggiti al saccheggio del luogo, riaffiorano lontani e non in connessione con il resto del corpo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Ambiente 9. Corridoio/Corridor.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. Ambiente 9. Corridor leading to room 6.

Corridoio che conduce alla stanza 6.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. Ambiente 9. Corridor leading to room 6.

 

Corridoio che conduce alla stanza 6.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 9 corridor (right, in shadow) with open top, at north end of east wall of atrium, still to be excavated. 

Corridoio Ambiente 9 (a destra in ombra) con apertura superiore, all'estremità nord della parete est dell'atrio, ancora da scavare.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Corridor 9 (on right in shade) in north-east corner of atrium 5, during excavation.

 

Corridoio Ambiente 9 (a destra in ombra) con apertura superiore, all'estremità nord della parete est dell'atrio, ancora da scavare.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 9 corridor (left) at north end of east wall of atrium. 

Ambiente 9 corridoio (a sinistra) all'estremità nord della parete est di atrio.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Corridor 9, (left) at north end of east wall of atrium.

 

Ambiente 9 corridoio (a sinistra) all'estremità nord della parete est di atrio.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Ambiente 10, Area Porticata/portico

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Portico 10, view west along portico past ambiente 3 and ambiente 5 to ambiente 7.

Portico 10, vista ovest lungo il portico oltre ambiente 3 e ambiente 5 fino a ambiente 7.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Portico 10, looking west along portico past doorways to room 3, atrium 5, and room 7.

 

Portico 10, vista ovest lungo il portico oltre ambiente 3 e ambiente 5 fino a ambiente 7.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Portico 10, view of red and white columns and rear wall, as seen from the garden.

Portico 10, vista delle colonne rosse e bianche, come si vede dal giardino.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Portico 10, looking north towards portico with red and white columns and decorated rear wall, as seen from the garden area.

 

Portico 10, vista delle colonne rosse e bianche, come si vede dal giardino.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. The portico has a low black wall with plant decoration and red and white columns.

Il portico ha una parete nera bassa con decorazione vegetale e colonne rosse e bianche.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Portico 10, the portico has a low black wall with painted plant decoration and red and white columns.

 

Il portico ha una parete nera bassa con decorazione vegetale e colonne rosse e bianche.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Terracotta vessel with broken rim, found in the portico.

Vaso di terracotta con bordo rotto, trovato nel portico.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Portico 10, terracotta vessel with pieces of rim, found in the portico, in front of the low black wall with painted plant decoration.

 

Vaso di terracotta con pezzi di bordo, trovato nel portico.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. View of portico 10 from ambiente 3. A bronze jug is on the floor of ambiente 3.

Vista di portico 10 dall'ambiente 3. Una brocca di bronzo è sul pavimento dell'ambiente 3.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Looking south-west across portico 10 from room 3, a bronze jug is on the floor of room 3.

 

Vista di portico 10 dall'ambiente 3. Una brocca di bronzo è sul pavimento dell'ambiente 3.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Room 12, Dispensa/Pantry

Room 13, Camera nell'angolo nord-est dell'atrio/Room in north-east corner of atrium

Room 14, Camera posteriore/Room at rear

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. At the rear of the house, from the left, are rooms 14, 13, 12, 4 and the long room 6, each with a window in their rear wall.

Sul retro della casa, da sinistra, ci sono le stanze 14, 13, 12, 4 e la stanza lunga 6, ciascuna con una finestra nella parete di fondo.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. At the rear of the house, from the left, are rooms 14, 13, 12, 4 and the long room 6, each with a window in their rear wall.

 

Sul retro della casa, da sinistra, ci sono le stanze 14, 13, 12, 4 e la stanza lunga 6, ciascuna con una finestra nella parete di fondo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Rooms 15 and 16, Ambienti collegate/Connected rooms

 

Room 15 seems to have separate access on its west side from a narrow entrance on the vicolo dei balconi. It has a doorway on its south side that leads to room 16.

 

Ambiente 15 sembra avere un accesso separato sul lato ovest da uno stretto ingresso sul vicolo dei balconi. Ha una porta sul lato sud che conduce alla stanza 16.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. From the left Room 15 (with scaffolding), room 16 in front of it, room 17 alongside both to right, and room 14 right of that.

Da sinistra ambiente 15 (con impalcature), stanza 16 di fronte ad essa, ambiente 17 accanto sia a destra, e ambiente 14 a destra di quella.

Detail from photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2019. From the left Room 15 (with scaffolding), room 16 in front of it, room 17 alongside both to right, and room 14 right of that.

 

Da sinistra ambiente 15 (con impalcature), stanza 16 di fronte ad essa, ambiente 17 accanto sia a destra, e ambiente 14 a destra di quella.

 

Detail from photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Room 17, Camera con gradini in muratura /Room with masonry steps

 

This room has masonry steps, forming a base for the stairs to the upper floor. Doorway to room 16?

 

Quest'ambiente ha gradini in muratura, che formano una base per le scale al piano superiore. Porta della stanza 16?

 

Vedi/See Osanna M., 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le nuove scoperte. Milano: Rizzoli, p. 140, fig. 5 (foto).

 

 

Part 1      Part 2      Part 3      Plan

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 31-Jan-2021 20:43