PompeiiinPictures

12. Gragnano, Ogliaro, nel podere del Monistero di S. Michele arcangelo.

Scavo alli 22 Luglio 1782 e si terminato alli 5 Dicembre 1782.

 

Le ville dell'Ogliaro sono una serie di tre edifici ubicati tutti in localit Ogliaro, a Gragnano

 

La prima stata esplorata nel 1779 da Pietro la Vega, ma i suoi scritti contenenti le descrizioni della costruzione sono andati successivamente perduti, anche se, fortunatamente, prima del loro smarrimento, stata realizzata nel 1850 una mappa della villa. La costruzione dispone di un lungo portico che immette in diversi ambienti, ognuno con funzione diversa: infatti presente la stanza dedicata alla produzione del vino, un'altra a quella dell'olio, due ergastula per il riposo degli schiavi e addirittura un piccolo quartiere termale.

 

La seconda villa stata scoperta tre anni dopo, nel 1782, ed stata esplorata sempre da Pietro la Vega: la costruzione ha un'estensione maggiore rispetto alla precedente e una pianta irregolare. composta da tre cortili, una zona termale con pareti affrescate e pavimentazione in tessellato e una serie di ambienti pavimentati con ciottoli marini: dalla presenza di una scala si deduce che la dimora era dotata anche di un piano superiore.

 

La terza villa ha una storia pi recente: stata infatti scoperta nel 1957 ed stata solo parzialmente scavata, riportando alla luce ruderi di mura in opus incertum e un ambiente con un frantoio.

 

Oggi tutte le ville dell'Ogliaro sono interrate.

 

Vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Scavi_archeologici_di_Stabia

 

 

The villas of Ogliaro are a series of three buildings located in Ogliaro, Gragnano

 

The first was explored in 1779 by Pietro la Vega, but his writings containing descriptions of the building were later lost, although, fortunately, before their loss, a map of the villa was made in 1850. The building has a long portico that leads into several rooms, each with a different function: there is a room dedicated to the production of wine, another to that of oil, two ergastulum for the sleeping quarters of the slaves and even a small bath area.

 

The second villa was discovered three years later, in 1782, and was also explored by Pietro la Vega: the building has a greater extent than the previous one and an irregular plan. It consists of three courtyards, a spa area with frescoed walls and tessellated flooring and a series of rooms paved with sea pebbles: from the presence of a staircase it is deduced that the dwelling also had an upper floor.

 

The third villa has a more recent history: it was in fact discovered in 1957 and was only partially excavated, unearthing ruins of walls in opus incertum and a room with an oil mill.

 

Today all the villas of Ogliaro are buried.

 

See https://it.wikipedia.org/wiki/Scavi_archeologici_di_Stabia

 

 

Gragnano, Ogliaro, nel podere del Monistero di S. Michele arcangelo, plan.
See Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. Tav. 19.

Gragnano, Ogliaro, nel podere del Monistero di S. Michele arcangelo, plan.

See Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. Tav. 19.

 

 

GIORNALE DELLO SCAVO DI STABIA

RELATIVO ALLA PIANTA DELLE FABBRICHE IN QUESTO INGIUNTA

 

Restano tali fabbriche nel podere del Monistero di S. Michele arcangelo della citt di Gragnano, nel sito detto l'Ogliaro.

Si incominciato questo scavo alli 22 Luglio 1782 e si terminato alli 5 Dicembre 1782.

 

No. 1. Dalli 22 Luglio 1782 alli 26 dello stesso mese si scavata questa stanza divisa in due per mezzo di un muro e vi una porta chiusa con fabbrica, ed i pavimenti delle medesime sono di lastrico con pietruzze di mare, ed intonachi bianchi; e fra le ruine si sono trovati de' pezzami di cornici di stucco.

 

No. 2. Dalli 25 Luglio al 1 Agosto si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento di lastrico composto da pietruzze di mare, dipinto negro con de' musaici bianchi, come dal disegno qui appresso si osserva. L'intonaco di detta stanza bianco e fra le ruine si sono trovati de' pezzi d'intonachi dipinti gialli e de' pezzami di cornici di stucco che pare fossero caduti da un piano superiore.

 

No. 3. Dalli 27 Luglio al 1 di Agosto si scavato questo sito, quale ha il pavimento di terra e le mura sono rivestite d'intonaco bianco. Detto luogo non si ricercato per intiero per essersi riconosciuto ch'era stato gi scavato dagli antichi; sicch non pu assicurarsi se avesse qualche porta nel suo recinto.

 

No.4. Dal 1 Agosto alli 8 si scavata questa stanza come la scaletta contigua che conduceva ad un piano superiore. La detta stanza ha il pavimento di pietruzze di mare e gl' intonachi delle pareti sono bianchi. La soglia della porta ch' introduce alla scala di marmo.

 

No.5. Dalii 6 Agosto, 9 si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento composto da pietruzze di mare ed alla porta vi soglia di marmo e le mura sono rivestite d'intonaco bianco. La soglia di marmo lunga palmi 4 e larga palmo 1, e si levata.

 

No. 6. Dalli 8 Agosto, 12 si ricercata questa stanza, la quale ha pavimento di mattoni pesti e le mura sono d'intonaco bianco e vi resta qualche porzione della sua cornice di stucco.

 

No.7. Dalli 13 Agosto alli 22 si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento con pietruzze di mare, come le altre stanze antecedenti e le mura sono intonacate bianche.

 

No.8. Dalli 20 alli 23 Agosto si evacuata questa stanza, la quale ha il pavimento di pietruzze di mare come gli altri e le mura sono intonacate bianche.

 

No. 9. Dalli 22 alli 29 di Agosto si evacuato questo sito, quale ha il pavimento di pietruzze di mare come gli altri e le mura intonacate bianche, e fra le ruine di detto sito si sono trovati de' pezzami di cornice di stucco e la soglia di marmo.

 

No. 10. Dalli 28 Agosto alli 5 Settembre si ricercata questa stanza, la quale ha il pavimento come le antecedenti e le mura sono intonacate bianche.

 

No. 11. Dalli 4 alli 12 Settembre si scavato questo sito, ove si trovato caduto pezzo di fabbrica, la quale formava un frontespizio con cornice ornata di uovoli ed il timpano colorito turchino ed in mezzo vi era una corona ed altro piccolo ornatino di stucco.

 

No. 12. Dalli 13 Settembre alli 2 di Ottobre si andato ricercando questo luogo, il quale ha il pavimento di pietruzze di mare come gli altri e le mura intonacate bianche.

 

No. 13. Dal 1 alli 17 Ottobre si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento di pietruzze di mare e le mura sono intonacate bianche.

 

No.14. Dalli 16 alli 24. Ottobre si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento di musaico negro con alcune fasce bianche nel giro molto ordinario e le mura sono dipinte verdi con alcune fasce gialle e rosse e con degli ornatini; il zoccolo semplicemente dipinto rosso ed il fregio bianco con riquadri ed alcuni festoni. Fra le ruine di questa stanza si sono trovati de' pezzi di cornice di stucco con uovoli.

 

No. 15. Dalli 23 alli 31 Ottobre si scavata questa stanza, la quale ha il pavimento composto di pezzami di mattoni e le mura sono intonacate con polvere di mattoni pesti.

 

No. 16. Dalli 28 Ottobre alli 7 Novembre si scavata questa stanza, la quale era una stufa; il pavimento di musaico bianco con tre fasce negre che lo circonda, ma tutto rotto. La bagneruola interiormente rivestita da musaici bianchi. Le mura che sono per la maggior parte diroccate, erano dipinte rosse con alcuni ornatini.

 

No. 17. Dalli 6 alli 14 Novembre si ricercata questa stanza, la quale ha il pavimento di terra e le mura sono rivestite d'intonaco con polvere di mattoni; vi nella medesima il prefornio per immettere il fuoco nella contigua stufa ed una piccola scala fatta di mattoni per ascendere forse alli vasi ne' quali si riscaldava l'acqua.

 

No. 18. Dalli 13 alli 20 Novembre si osservata questa scala, la quale ascendeva al piano superiore.

 

No. 19. Dalli 19 alli 23 Novembre si andato ricercando attorno a questo muro, il quale colorito rosso ed il pavimento adiacente di pietruzze di mare.

 

No.20 e 21. Dalli 23 Novembre alli 5 Dicembre si andato scavando attorno a questo muro, il quale intonacato bianco ed il pavimento sul quale s'innalza di terra.

 

Vedi Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. p. 357-9.

 

 

GIORNALE DELLO SCAVO DI STABIA

RELATIVE TO THE PLAN OF THE BUILDING INCLUDED HERE

 

These remains are in the farm of the Monastery of Saint Michael the Archangel of the city of Gragnano, at the site called Ogliaro.
This excavation began on 22 July 1782 and ended on 5 December 1782.

No. 1. From the 22nd of July 1782 to the 26th of the same month this room was excavated divided in two by means of a wall and there is a door closed with masonry, and the floors of the same are paved with sea pebbles, and white plaster; and among the ruins some pieces of stucco cornices have been found.

No. 2. From the 25th of July to the 1st of August this room was excavated, which has a paving floor composed of sea pebbles, painted black with white mosaics, as shown in the drawing below. The plaster of this room is white and among the ruins were found pieces of yellow painted plaster and pieces of stucco frames that seem to have fallen from an upper floor.

No. 3. From the 27th of July to the 1st of August this site was excavated, which has an earth floor and the walls are covered with white plaster. This place was not completely studied because it was recognised it had already been excavated by the ancients; therefore it cannot be ascertained whether it had any doors in its perimeter.

No.4. From 1st to 8th August this room was excavated, as was the adjoining staircase that led to an upper floor. The floor of this room is made of sea pebbles and the plaster on the walls is white. The threshold of the door leading to the staircase is made of marble.


No.5. From August 6th to 9th, this room was excavated, which has a floor made up of sea pebbles and at the door there is a marble threshold, and the walls are covered with white plaster. The marble threshold is 4 palms long and 1 palm wide, and it has been raised.

No. 6. From 8th to 12th August, this room was excavated, which has a crushed brick floor and the walls are of white plaster and some portions of its stucco frame remain.

No.7. From the 13th to the 22nd of August this room was excavated, which has the floor with sea pebbles, like the other antecedent rooms and the walls are white plastered.

No.8. From 20th to 23rd August this room was cleared, which has the floor of sea pebbles like the others and the walls are white plastered.

No. 9. From the 22nd to the 29th of August this site was cleared, which has the floor of sea pebbles like the others and the white plaster walls, and among the ruins of this site some pieces of stucco frame were found, and the threshold is marble.

No. 10. From 28th August to 5th September this room was searched, which has the floor like the previous ones and the walls are white plastered.

No. 11. From the 4th to the 12th of September, this site was excavated, where a piece of the building fabric was found to have fallen, which formed a frontispiece with a cornice frame decorated with an egg pattern and a gable in a turquoise colour, and in the middle there was a crown and another small stucco decoration.


No. 12. From the 13th of September to the 2nd of October, we searched this place, which has the floor of sea pebbles like the others and the white plastered walls.

No. 13. From the 1st to the 17th of October this room was excavated, which has the floor of sea pebbles and the walls are white plastered.

No.14. From the 16th to the 24th of October this room was excavated, which has a black mosaic floor with some white bands in a very ordinary circle and the walls are painted green with some yellow and red bands and with ornaments; the plinth is simply painted red and the white frieze with squares and some festoons. Among the ruins of this room were found some pieces of stucco cornice with egg pattern.

No. 15. From 23 to 31 October this room was excavated, which has a floor made of pieces of brick and the walls are plastered with crushed brick dust.

No. 16. From October 28th to November 7th this room was excavated, which was a stove; the floor is of white mosaic with three black bands surrounding it, but everything is ruined. The bathtub is internally covered with white mosaics. The walls, which are mostly ruined, were painted red with some ornaments.

No. 17. From the 6th to the 14th November this room was searched, which has an earthen floor and the walls are covered with crushed brick dust plaster; in the same room is the praefurnium to put the fire in the adjoining stove and a small staircase made of bricks to ascend perhaps to the vessels in which the water was heated.

No. 18. From the 13th to the 20th of November this staircase was examined, which ascended to the upper floor.

No. 19. From the 19th to the 23rd of November research was carried out around this wall, which is red in colour and the adjacent floor is made of sea pebbles.

No.20 and 21. From 23 November to 5 December, excavation was carried out around this wall, which is plastered white and the floor on which it stands is made of earth.

 

See Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. p. 357-9.

 

Gragnano, Ogliaro, nel podere del Monastero di S. Michele arcangelo.
Il pavimento di lastrico composto da pietruzze di mare, dipinto negro con de' musaici bianchi.
Paving of floor composed of sea pebbles, painted black with white mosaics
See Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. Tav. XIX.

Gragnano, Ogliaro, nel podere del Monastero di S. Michele arcangelo.

Il pavimento di lastrico composto da pietruzze di mare, dipinto negro con de' musaici bianchi.

Paving of floor composed of sea pebbles, painted black with white mosaics

See Ruggiero M., 1881. Degli scavi di Stabia dal 1749 al 1782, Naples. Tav. XIX.

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attivit Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione pu considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 25-Dec-2020 15:29